Il segreto per una comunicazione efficace: stupire o rassicurare?

segreto comunicazione efficaceLa domanda posta nel titolo mi frulla in testa già da qualche tempo, tant’è che, documentandomi e riflettendoci su, ho messo insieme una serie di considerazioni in merito che mi piace condividere sul nostro blog.
Voglio iniziare con la citazione di uno che di comunicazione se ne intendeva, ovvero Umberto Eco, che così scriveva: Continua a leggere

Come portare avanti una campagna di Social Media Marketing in modo efficace

Stampaprint S.r.l.I social network sono ormai diventati parte integrante della nostra vita quotidiana.
Basta guardarsi intorno per vedere continuamente persone che lanciano un “mi piace” dal proprio smartphone, retwittano un contenuto durante una pausa pranzo o pubblicano l’album delle proprie nozze su Pinterest.

Oltre alla sfera privata, il mondo dei social è molto utile anche in ambito lavorativo e per mettere in atto operazioni di marketing. Continua a leggere

Guardare la TV ai tempi dei social network e del mobile

Guardare la tv ai tempi dei social network e del mobileI social network sono entrati a fare parte del quotidiano e hanno modificato – poco alla volta ma in maniera sostanziale – quasi tutte le nostre abitudini, influenzando nel profondo comportamenti rituali consolidati da tempo.

Anche il modo di guardare la televisione risulta trasformato: abituati proprio dai social a non essere più spettatori passivi davanti a uno schermo, tendiamo a interagire con le apparecchiature elettroniche in nostro possesso anche durante la visione di un programma televisivo.

Continua a leggere

10 buone ragioni per investire in comunicazione e nuovi media in tempo di crisi

Copyright (c) 123RF Stock PhotosQuando i tempi si fanno duri e la parola d’ordine diventa “tagliare”, le attività di comunicazione vengono gettate, indistintamente, nel calderone delle spese superflue da eliminare senza ripercussioni.

In 10 punti – proposti in ordine quasi sparso – cercheremo di evidenziare come ogni investimento in comunicazione abbia sempre un qualche ritorno positivo e come, al tempo stesso, la rinuncia alle attività di comunicazione non sia affatto “indolore” per l’azienda. Continua a leggere