Post su Facebook: come attirare l’attenzione in pochi secondi

I post di Facebook come uno speed dateQualche giorno fa stavo parlando con un cliente che aveva bisogno di alcune indicazioni per mettere in evidenza le sue peculiarità professionali sulla pagina Facebook aziendale e sul sito, quando gli ho suggerito come raccontarsi in maniera efficace lui mi ha fatto notare che aveva l’impressione di trovarsi a uno speed date, cioè un appuntamento al buio in cui in 1 minuto la persona che è seduta davanti a te deve decidere se ti trova interessante oppure no.
È vero la comunicazione su internet, su Facebook in particolare, è del tutto paragonabile a uno speed date, solo che in rete non hai 1 minuto per farti notare, ma poco più di 1 secondo. Continua a leggere

10 consigli per usare i gruppi di WhatsApp senza impazzire

whatsapp sopravvivenza gruppiTizia ti ha aggiunto al gruppo Classe 4n…
Se anche per te un messaggio come questo è l’inizio di un piccolo incubo fatto di continue notifiche e tempo buttato, i nostri consigli possono esserti d’aiuto.

Parliamo infatti dei famigerati gruppi di WhatsApp, che sono diventati un elemento di disturbo costante nelle nostre giornate.
Continua a leggere

Tipi da social: come conquistarli con il social media marketing

Tipi da social durante un celebre partyNel corso della mia esperienza sui social network – piuttosto intensa sia come utente personale sia come social media manager – mi è capitato più volte di trovarmi ad analizzare il cosiddetto target, ovvero il bacino di utenza a cui stavo per rivolgermi per impostare una strategia di social media marketing efficace.
Conoscere bene il pubblico di riferimento è infatti il primo indispensabile passo per conquistarlo con un brand o un prodotto.
Quello che segue è un mio personale censimento delle diverse tipologie di frequentatori dei social network corredato, per ciascuna, di un prezioso consiglio per farsi notare.

Continua a leggere

Guardare la TV ai tempi dei social network e del mobile

Guardare la tv ai tempi dei social network e del mobileI social network sono entrati a fare parte del quotidiano e hanno modificato – poco alla volta ma in maniera sostanziale – quasi tutte le nostre abitudini, influenzando nel profondo comportamenti rituali consolidati da tempo.

Anche il modo di guardare la televisione risulta trasformato: abituati proprio dai social a non essere più spettatori passivi davanti a uno schermo, tendiamo a interagire con le apparecchiature elettroniche in nostro possesso anche durante la visione di un programma televisivo.

Continua a leggere