Come scegliere una password davvero sicura

Nel post precedente abbiamo visto come, a seguito di un data breach, i nostri dati possono finire in mano a criminali informatici e utilizzati a nostro danno.
I furti di dati sono un rischio concreto che dobbiamo prevedere e a cui dobbiamo porre rimedio con accorgimenti all’apparenza piccoli, ma fondamentali.
Il primo – e paradossalmente il più trascurato – metodo per evitare un utilizzo fraudolento dei nostri dati è l’utilizzo di una password sicura quindi efficace.

Esistono moltissimi programmi, alcuni dei quali sono anche reperibili in rete gratuitamente, per decriptare le password, quindi è ovvio che più una password è debole più possibilità ci sono che venga decriptata con facilità.

Come faccio a sapere se la mia password è stata rubata?

Così come esiste il servizio “have I been pwned?” di cui abbiamo parlato nel post precedente, è a disposizione, sempre grazie a Troy Hunt, “Pwned Password” raggiungibile questo indirizzo https://haveibeenpwned.com/Passwords.
L’utilizzo è semplicissimo: si digita la password nel campo di testo e il sito risponde se è stata hackerata e quante volte.

Una volta scoperto che la tua password è stata rubata non resta che correre ai ripari: cambiarla con una più sicura.

Quando una password è davvero sicura?

Per rendere una password sicura sono sufficienti due semplici condizioni:

  1. Scegliere una password composta da minimo 10 caratteri alfanumerici che contenga anche almeno un numero, una lettera maiuscola e un carattere speciale.
  2. Cambiarla spesso, meglio se una volta al mese

Quando una password non è sicura?

Come avete visto le cose da fare per scegliere una buona password sono davvero poche e semplici, ma è importante segnalare anche le 10 cose da non fare assolutamente se vogliamo una password sicura:

  1. Non scegliere la password a partire da informazioni personali, tipo nomi o date di nascita
  2. Non utilizzare parole che si possono trovare nel dizionario
  3. Non utilizzare parole al contrario come azzip o onroignoub o peggio il vostro nome
  4. Non utilizzare password con sequenze di sole lettere o di soli numeri
  5. Non utilizzare nemmeno sequenze di tastiera, tipo qwerty o 123456
  6. Non ricorrete al trucchetto di sostituire una lettera con un carattere, tipo alessi@ o uffici0
  7. Non scrivete la password su foglietti che poi lasciate alla mercé di occhi indiscreti
  8. Non inviate mai la vostra password via email
  9. Non utilizzate la stessa password per più servizi
  10. Non inserite il vostro indirizzo email e la vostra password su siti della cui affidabilità non siete certi al 100% (molte email di phishing vi chiedono di inserire username e password fingendo di scrivere per conto di servizi on line, social o istituti di credito)

Come generare e come ricordare una password sicura?

Non è difficile scegliere una password sicura, ma se ti senti in difficoltà puoi affidarti ai programmi generatori di password sicure, reperibili anche gratuitamente on line, che generano in modo automatico password dotate di tutti i requisiti necessari per scoraggiare i programmi di decriptazione.
Spesso le password così create sono praticamente impossibili da memorizzare e il rischio post-it sul monitor è dietro l’angolo, proprio per ovviare a questa problematica sono reperibili in rete servizi di password manager, cioè programmi o applicazioni che consentono di salvare in modo sicuro, grazie all’utilizzo di chiavi crittografate, tutte le nostre credenziali di accesso ai vari servizi.

Adesso non hai più scuse, la sicurezza delle tue credenziali è nelle tue mani!

Fiorella Sina
Nea Mesa Comunicazione

Hai trovato utile questo articolo? Condividilo 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Devi selezionare la casella Accetto per inserire il tuo commento.

*

Accetto l'informativa sulla privacy e il trattamento dati personali

94 − = 84