Post su Facebook: come attirare l’attenzione in pochi secondi

I post di Facebook come uno speed dateQualche giorno fa stavo parlando con un cliente che aveva bisogno di alcune indicazioni per mettere in evidenza le sue peculiarità professionali sulla pagina Facebook aziendale e sul sito, quando gli ho suggerito come raccontarsi in maniera efficace lui mi ha fatto notare che aveva l’impressione di trovarsi a uno speed date, cioè un appuntamento al buio in cui in 1 minuto la persona che è seduta davanti a te deve decidere se ti trova interessante oppure no.
È vero la comunicazione su internet, su Facebook in particolare, è del tutto paragonabile a uno speed date, solo che in rete non hai 1 minuto per farti notare, ma poco più di 1 secondo.
In circa 1 secondo, scorrendo una bacheca fitta di foto, articoli e post promozionali, i tuoi potenziali clienti decidono se vale la pena soffermarsi sul tuo post o se passare oltre ignorandoti.

Come si fa ad attirare l’attenzione di uno sconosciuto in 1 secondo o poco più?
Proviamo ad elencare quali carte potremmo giocarci se fossimo davvero a uno speed date:

  1. L’aspetto esteriore: certo la bellezza attrae sempre, possiamo quindi puntare su una bella immagine a corredo del nostro post,
    MA la bellezza è soggettiva, si sa che “non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace”, quindi molto probabilmente nemmeno le foto di gattini che imperversano in rete piacciono a tutti.
  2. Lo humor: fare i simpatici funziona socialmente e spesso premia anche sui social,
    MA nemmeno la simpatia è un valore oggettivo, inoltre non tutti gli argomenti che trattiamo ci permettono un approccio spiritoso scevro da possibili critiche o fraintendimenti.
  3. Il contenuto: avere argomenti di buon livello da comunicare è fondamentale nel mondo reale come nel mondo virtuale,
    MA anche qui cadiamo nell’impossibilità di generare un contenuto che sia ritenuto interessante in maniera universale.
  4. La tenerezza: arma molto usata in amore come in rete spesso anche con buoni risultati
    MA non a tutti piace, anzi a quelli che la detestano scatena crisi di orticaria e attenzione a non peccare mai di incoerenza.

Qualsiasi cosa facciamo rischiamo inevitabilmente di cadere nella soggettività della percezione, del gusto e degli interessi dei nostri interlocutori.
Come se ne esce dunque?
La parola chiave è una sola: target.
Spesso siamo così impegnati a curare forma e contenuto che ci dimentichiamo di riflettere su cosa vogliamo esattamente ottenere dal nostro post e su chi sono i nostri interlocutori.
Quando chiedo ai miei clienti “a chi volete rivolgervi?” quasi sempre mi sento rispondere “a tutti” ed è chiaro che quel “tutti” è una risposta che non porta da nessuna parte.

Il bacino di utenza del nostro prodotto o servizio va analizzato, approfondito, segmentato e ristretto fino a raggiungere coloro che sono realmente interessati a noi e interessanti per il nostro business.
Anche le inserzioni a pagamento di Facebook funzionano con questa logica: ci consentono di definire un target con precisione e più accurata sarà la caratterizzazione maggiore sarà il successo della nostra campagna.

Più a fondo conosciamo i nostri interlocutori più abbiamo strumenti per coinvolgerli con post che siano davvero interessanti per loro.
Dopo averli coinvolti avremo finalmente occasione di indirizzarli a compiere l’azione che desideriamo, i lettori diventeranno utenti attivi dando inizio al percorso di trasformazione da utenti attivi a clienti.
Come avviene quest’ultimo passaggio sarà argomento di un altro post, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato.

Fiorella Sina
Nea Mesa comunicazione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Couldn't connect to server: php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known (0)