Come portare avanti una campagna di Social Media Marketing in modo efficace

Stampaprint S.r.l.I social network sono ormai diventati parte integrante della nostra vita quotidiana.
Basta guardarsi intorno per vedere continuamente persone che lanciano un “mi piace” dal proprio smartphone, retwittano un contenuto durante una pausa pranzo o pubblicano l’album delle proprie nozze su Pinterest.

Oltre alla sfera privata, il mondo dei social è molto utile anche in ambito lavorativo e per mettere in atto operazioni di marketing.

Il social media marketing, infatti, è una branca del vasto – e sempre in evoluzione – ambito della pubblicità e delle modalità con cui rendersi visibili nell’universo digitale. Fare social media marketing è molto importante oggigiorno, sia per un’azienda che per un libero professionista. Il web è in grado di diffondere il proprio marchio con rapidità ed efficacia, e consente di raggiungere un pubblico ampio ed eterogeneo in breve tempo.

Dedicarsi al social media marketing richiede competenze e impegno.
Avere un profilo Linkedin o una pagina aziendale su Facebook sono solo le basi da cui partire; servono poi operazioni ed azioni volte a catturare l’attenzione degli utenti in modo duraturo e, soprattutto, vantaggioso per noi e la nostra attività. Un elemento che dobbiamo tenere sempre a mente, infatti, è la web reputation: è fondamentale che costruiamo un’immagine di noi positiva, così da trasformare il passaparola virtuale in una risorsa per noi.
Per poter crearci una web reputation, è necessario che la nostra campagna di marketing sia efficace e porti i suoi risultati. Quello che dobbiamo tenere sempre presente sono gli obiettivi che vogliamo raggiungere: cerchiamo nuovi utenti? Desideriamo ottenere più conversioni? Vogliamo aumentare le vendite?
Avere un punto d’arrivo ben definito è fondamentale per poter pianificare nuove azioni e rendersi conto strada facendo se ci stiamo muovendo nel modo giusto. Mettiamo nero su bianco i risultati che vogliamo ottenere e rileggiamoli più volte, in modo da utilizzare i canali social con le idee chiare in testa.

Un passo altrettanto importante riguarda la comunicazione sui canali social. Dato che sono luoghi di scambio e di interazione (di carattere virtuale), dobbiamo fornire spunti per creare conversazione, animare dibattiti e incentivare le condivisioni. Per questo serve pubblicare contenuti di qualità, che portino valore aggiunto a chi li legge e a noi. Analizziamo, dunque, il nostro pubblico, quali possono essere gli argomenti che lo interessano, capiamo in che modo parlarne e postiamo il contenuto su uno o più canali.
Questo schema segue le cosiddette tre C del social media marketing, ovvero community, conversation e channel.
Il passaggio è cruciale, poiché determinerà la possibile condivisione di ciò che abbiamo pubblicato, con il successivo ampliamento della nostra visibilità sul web e il raggiungimento di nuovi utenti.

Naturalmente, proponiamo a fan e followers contenuti di qualità: questa è una condizione indispensabile per ricevere attenzione ed essere considerati come un punto di riferimento o una voce autorevole nel web. Cerchiamo di aggiornarci con frequenza sulle tematiche che possono interessare, troviamo idee nuove o consigli utili da diffondere nella forma che  preferiamo o riteniamo più idonea. Non scriviamo sempre solo articoli o postiamo solo immagini: la varietà del modo di comunicare è molto importante per farci notare e renderci interessanti. Articoli, video, foto, infografiche, citazioni autorevoli sono metodi validi per entrare in contatto con il pubblico e invogliarlo a condividere.

Questo significa creare engagement, cioè coinvolgimento. Proprio perché stiamo lavorando sui social network, dobbiamo stimolare la socialità, una socialità di tipo virtuale fatta di commenti, condivisioni e scambio di opinioni.
Dobbiamo diventare, in un certo senso, “il motore del gruppo” e dar vita a discussioni interessanti, seguendo i meccanismi di ogni social. Infatti, ogni piattaforma ha sue caratteristiche e un suo tipo di audience, per cui non possiamo trattare i canali allo stesso modo. Se Instagram e Pinterest, ad esempio, fanno leva sul linguaggio visivo, Linkedin si concentra maggiormente sulla professionalità e serietà individuale, mentre Facebook predilige una comunicazione famigliare e informale.

Un ultimo aspetto altrettanto indispensabile è la presenza sui social. Sia che decidiamo di attuare la nostra campagna di marketing solo su un canale, sia che ne scegliamo alcuni (tutti, a mio parere, sono troppi, ma qui si aprirebbe un lungo dibattito), dobbiamo assolutamente esserci, il che significa ascoltare attentamente gli utenti, osservare cosa accade, prendere parte alle discussioni e rispondere ai commenti. Questo perché le persone vogliono sentirsi parte attiva e, soprattutto, desiderano sentirsi prese in considerazione e ascoltate. Se ci limitiamo solo a postare, la conseguenza a breve termine sarà una perdita progressiva di pubblico e, volendo guardare al lungo termine, sarà molto difficile recuperare stima e credibilità.
Dunque, muniamoci di pazienza e progettiamo una campagna di social media marketing efficace.

Gloria Zaffanella
Stampaprint S.r.l.

 

Hai trovato utile questo articolo? Condividilo 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Devi selezionare la casella Accetto per inserire il tuo commento.

*

Accetto l'informativa sulla privacy e il trattamento dati personali

+ 41 = 51